Vittorio Sgarbi: “Mascherine e green pass anche per le attività erotiche”

"Mi pare una misura che mi indurrà a votare contro, nonostante la simpatia che ho per Draghi, che pensa evidentemente ad una grande economia che avanza, ma meno alle libertà individuali"

0
769

Vittorio Sgarbi, ironicamente afferma in Parlamento che a questo punto in Italia si potrebbe introdurre l’obbligo della mascherina e del green pass anche per le attività erotiche di “due persone che sono in famiglia nel loro letto”.

Il parlamentare del Gruppo misto dice: “Ho creduto di essere in Europa per tanti anni ed invece sono in una provincia italiana che ha deciso di mostrare la sua forza limitativa dei diritti elementari. In Spagna, in Danimarca, in Inghilterra, in Belgio, non c’è l’obbligatorietà del green pass e neppure della mascherina”.

“Ma dal momento che noi siamo così rigorosi – continua Sgarbi – credo che sia opportuno introdurre anche l’obbligo della mascherina e del green pass per le attività erotiche di due persone che sono in famiglia nel loro letto. Credo che sia l’unica soluzione per dare il senso di cosa è l’Italia, pronta a salvare tutti anche contro i limiti semplici che la nostra vita con le capacità individuali dà per la salute, come è sempre stato”.

“Mi pare una misura che mi indurrà a votare contro, nonostante la simpatia che ho per Draghi, che pensa evidentemente ad una grande economia che avanza, ma meno alle libertà individuali”, conclude il critico d’arte.

© Riproduzione riservata