Pochissimi giorni fa il Popolo delle mamme era ancora una volta in piazza a Torino a gridare civilmente il suo NO alla DAD.

L’associazione, rappresentata dalla presidente Tiziana Coppola, ha presenziato con i suoi associati, insieme ad Antonella Celotto di Alleanza Stop 5g Piemonte e con Sonia Usai di R2020 Fuochi di Torino.

Abbiamo parlato con la presidente dell’associazione, la quale ci ha spiegato che il Popolo delle mamme vuole la riapertura delle scuole, ma di non essere d’accordo con altri gruppi che in questo momento stanno cercando la riapertura definitiva delle attività esclusivamente con obbligo vaccinale e di tracciamento. “Noi del Popolo delle mamme vogliamo e pretenderemo il rientro alla vera normalità solo attraverso la libertà di scelta per i nostri figli. Chi vuole vaccinarsi con un farmaco ‘approvato in emergenza’ lo faccia pure, ma non pretenda di obbligare chi non vuole sottoporsi alla sperimentazione di massa”. Queste le parole di Tiziana Coppola.

“PER LA DIFESA DEI DIRITTI DEI BAMBINI, PER LA DIFESA DELLE LIBERTÀ INDIVIDUALI, PER LA TUTELA DELLE FAMIGLIE. Genitori italiani uniti nella necessità di agire con strategie ed azioni concrete per il benessere di tutti i nostri bambini”. Questo uno dei claim dell’associazione che leggiamo dalla pagina ufficiale.

Torino L'Associazione Popolo delle mamme ancora una volta in piazza contro la DAD

Torino L'Associazione Popolo delle mamme ancora una volta in piazza contro la DAD

Il ricordo dell’evento del 5 settembre 2020

Il Popolo delle mamme aveva promosso a Roma, insieme al movimento Salviamo i bambini dalla dittatura sanitaria di Roberto Nuzzo, una grande manifestazione insieme ad altre 70 organizzazioni e gruppi che avevano aderito.

Come possiamo vedere dal video allegato l’evento simboleggiava non solo la ricerca della verità sulla narrazione ufficiale riguardo Covid, ma anche un unico grido di libertà e di rispetto della carta costituzionale. Nel video di MEPIU’ sono state raccolte da Eugenio Miccoli le opinioni del medico Pasquale Mario Bacco, del rappresentane del Movimento Panafricanista Mohamed Konarè, del blogger Matteo Brandi, del divulgatore Francesco Neri, dello scrittore e antropologo indipendente Rocco Bruno, del blogger, scrittore e giornalista Cosimo Massaro, della dirigente scolastica Solange Hutter, della componente del board di Rinascimento Italia Raffaela Rutili.