Sardegna: 200 medici, infermieri e operatori socio-sanitari rifiutano la vaccinazione contro il Covid

Sardegna: 200 medici, infermieri e operatori socio-sanitari rifiutano la vaccinazione contro il Covid

Da The italian tribune

In Sardegna alcuni medici, infermieri e operatori socio-sanitari fanno sapere di non volersi vaccinare contro il Covid-19.

Il vaccino della Pfizer quindi incontra altri ostacoli, questa volta anche sull’isola sarda.

Il commissario straordinario dell’Ats Massimo Temussi, parla di circa 200 persone che si sono opposte, tra medici, infermieri e operatori socio-sanitari.

Fa sapere l’Unione sarda che la percentuale di operatori sanitari che si é dichiarata non favorevole alla vaccinazione potrebbe salire una volta che verranno chiamati all’inoculazione i medici di base.

D’altronde la stessa AIFA – Agenzia italiana del farmaco in alcune delle sue FAQ, aggiornate al 4 gennaio 2021, chiarisce che:

  • “sebbene sia plausibile che la vaccinazione protegga dall’infezione, i vaccinati e le persone che sono in contatto con loro devono continuare ad adottare le misure di protezione anti COVID-19”;
  • “gli studi clinici condotti finora hanno permesso di valutare l’efficacia del vaccino COVID-19…sulle forme clinicamente manifeste di COVID-19 ed è necessario più tempo per ottenere dati significativi per dimostrare se i vaccinati si possono infettare in modo asintomatico e contagiare altre persone”.

 

Previous La prima dichiarazione di impeachment contro Biden arriva il giorno dopo il suo giuramento
Next L'OMS per il momento dice NO al passaporto vaccinale o certificato di vaccinazione

About author

Può interessarti anche

Attualità

Kit test Covid già ordinati del 2018 e nel 2017. Può essere vero?

Da The italian tribune Può essere possibile che i kit test Covid siano stati già ordinati del 2018 e nel 2017 dalla maggior parte degli stati del mondo?? Da quello

Attualità

Dott. Oliviero sul Covid19: “situazione che non ha eguali dalla seconda guerra mondiale ad oggi”

“Sta succedendo quello che avevo ipotizzato già nel marzo di quest’anno”, così esordisce lo psichiatra dott. Oliviero e aggiunge che se c’é una pandemia un agente virale deve diffondersi “in

Attualità

Covid19: “Cov-ID” e la potenza dell’Intelligenza Artificiale. Privacy a rischio

Il nuovo Coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus, precedentemente denominato inizialmente “2019-nCoV” e che oggi viene invece chiamato “Sars-Cov-2”. Sars-Cov-2 sta per: S = SEVERE, A = ACUTE, E