Marat Safin sul virus: è un vero e proprio complotto internazionale

Marat Safin sul virus: è un vero e proprio complotto internazionale

Il mondo oggi é diviso in due, questo oramai sembra chiaro.

Dopo il numero 1 del mondo Novak Djokovic anche Marat Safin, già numero 1 del ranking ATP, dice la sua su questo nuovo virus.

Una volta ritiratosi dal tennis, Safin si candida alla Duma di Stato alle elezioni parlamentari russe del 2011 per Russia Unita di Vladimir Putin.

Ma oltre ad occuparsi di tennis, sport e scuole, diviene presidente della commissione Associazioni Pubbliche e Organizzazioni Religiose.

Safin supporterà inoltre la legge che impedisce ai cittadini statunitensi di adottare orfani russi.

Le sue affermazioni

“Quello del coronavirus è un vero e proprio complotto internazionale. È tutto preparato per impiantare microchip nelle persone.

Nel 2015 Bill Gates ha dichiarato che ci sarebbe stata una pandemia. Non credo che sia un indovino.

Lo sapevano e tutti si stavano preparando. Almeno due settimane prima che il virus fosse conosciuto al mondo, al World Economic Forum di Davos sono state effettuate simulazioni.

Ora le persone stanno andando nel panico, credono a tutto quello che dice la televisione e verranno vaccinate col microchip.

I cospiratori non sono i leader politici, ci sono uomini molto più potenti di loro. Mi riferisco a chi gestisce davvero i soldi, sono loro i proprietari del mondo.

Un governo ombra mondiale? Chiamatelo come volete.

Comunque non sono cose che mi sto inventando io: è tutto su Internet”.

Previous Il decalogo per la ripresa delle attività tennistiche: il "tennis sicuro" per giocatori, insegnanti e genitori
Next I dieci gradi della cintura nera

About author

Può interessarti anche

Sport

Federer procede spedito in questi Australian Open 2020

Il tennista elvetico nell’ultimo match giocato sulla Rod Laver Arena contro John Millman, ha avuto non pochi problemi nel portare a casa un risultato positivo, nonostante tutto però Federer procede

Sport

Perché i maestri di sport sono maestri di vita

Educare i propri allievi ad amare lo sport e il gioco prima del risultato non é cosa semplice, anche perché nella crescita di un’atleta intervengono molteplici fattori che ne possono

Sport

Perché i ragazzi vanno in burnout

Da M° Ciro Varone Il mondo degli adulti è diventato frenetico e iperaccelerato, talvolta questa frenesia coinvolge anche bambini e i ragazzi, che si ritrovano scaraventati in questo vortice deleterio.