L’OMS per il momento dice NO al passaporto vaccinale o certificato di vaccinazione

L’OMS per il momento dice NO al passaporto vaccinale o certificato di vaccinazione

Da The italian tribune

Niente passaporto vaccinale per l’OMS!

L’Organizzazione Mondiale della Sanità preferisce consigliare di “non introdurre requisiti di prova della vaccinazione o immunità per i viaggi internazionali come condizione di ingresso”.

Durante la sesta riunione del Comitato di emergenza del regolamento sanitario internazionale sulla pandemia della malattia da coronavirus (COVID-19) si sono discussi diversi temi, tra questi la necessità o meno di introdurre una certificazione di avvenuta vaccinazione contro il Covid.

All’interno del documento prodotto troviamo anche un’altra cosa interessante: il Comitato di emergenza dell’OMS riconosce che é di fatto in essere una “presentazione ritardata dei dati sui vaccini da parte di alcuni produttori”. Ma non solo, perché l’OMS addirittura scrive che “il  Comitato incoraggia vivamente i produttori a fornire i dati all’OMS il più rapidamente possibile”.

Il Comitato ha inoltre dichiarato che la pandemia COVID-19 “rimane un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale”, quindi conferma ancora una volta la situazione emergenziale.

All’interno della riunione si é anche parlato della nuove varianti del SARS-CoV-2, ed infatti i rappresentanti di Regno Unito di Gran Bretagna, Irlanda del Nord, Danimarca e Sud Africa hanno presentato le varianti di SARS-CoV-2. La nota della commissione si riporta che: “Il responsabile tecnico dell’OMS ha quindi condiviso una panoramica globale delle mutazioni e delle varianti della SARS-CoV-2, nonché i piani per sviluppare e implementare la nomenclatura standard per le varianti che non fanno riferimento a una posizione geografica”.

Il direttore dell’OMS del dipartimento di immunizzazione, vaccini e prodotti biologici ha presentato lo stato attuale del panorama del vaccino COVID-19, mentre il direttore dell’ufficio per il trasporto aereo dell’Organizzazione internazionale per l’aviazione civile (ICAO) ha condiviso le proprie attività COVID-19 relative a test e vaccinazioni.

Si é discusso dunque delle strategie di gestione del rischio per viaggi internazionali ed il capo unità dell’OMS del segretariato RSI ha fornito “una panoramica delle disposizioni legali e delle considerazioni scientifiche, etiche e tecnologiche per i certificati di vaccinazione relativi ai viaggi internazionali”.

Prima di entrare ancor più nel dettaglio riportiamo cosa abbiamo trovato sulle ‘misure sanitarie in relazione al traffico internazionale‘ e dunque: “Al momento, non introdurre requisiti di prova della vaccinazione o immunità per i viaggi internazionali come condizione di ingresso in quanto vi sono ancora incognite critiche sull’efficacia della vaccinazione nel ridurre la trasmissione e la disponibilità limitata di vaccini. La prova della vaccinazione non dovrebbe esentare i viaggiatori internazionali dall’osservanza di altre misure di riduzione del rischio di viaggio”.

 

FONTE:

 

Previous Sardegna: 200 medici, infermieri e operatori socio-sanitari rifiutano la vaccinazione contro il Covid
Next La pronuncia del Consiglio di Stato contro l'obbligo della mascherina a scuola

About author

Può interessarti anche

Scuola, educazione, formazione

I nuovi “banchi a rotelle” per la scuola vanno in soffitta: Sono “causa di mal di schiena”

Da Andrea Ippolito La regione Veneto boccia categoricamente i banchi definiti “a rotelle”, proposti dalla Ministra dell’Istruzione Azzolina e dal Commissario Arcuri, perché “causa di mal di schiena”. Per noi

Attualità

I funerali dell’economia campana oggi a Napoli. Amodeo: “Siamo in guerra contro i nuovi nazisti. O ci ascoltate o quattro giornate”

“Quelli che stiamo combattendo sono i nuovi nazisti. Quando noi parliamo di una Bce che non presta i soldi agli Stati e ti costringe ad andare sui mercati in caso

Attualità

Alberto Zangrillo: “il virus dal punto di vista clinico non esiste più”

Il Prof. Alberto Zangrillo ha detto qualche giorno fa alla sia alla giornalista Annunziata, durante la trasmissione “Mezz’ora in più”, che in altre trasmissioni televisive, le seguenti parole: “Se vuole