Il ministro della Salute israeliano ammette che alcune restrizioni servono per spingere alla vaccinazione

Horowitz: “Il fatto è che ti sto dicendo questo, il nostro problema sono le persone che non vengono vaccinate"

0
256
Il ministro della Salute israeliano ammette che alcune restrizioni servono per spingere alla vaccinazione

Prima della riunione del gabinetto di domenica si è sentito il ministro della Salute israeliano affermare che alcune restrizioni hanno la sola utilità di spingere i non vaccinati a farsi somministrare le dosi di siero Covid.

Il ministro della Sanità Nitzan Horowitz ha anche detto, parlando con il ministro degli Interni Ayelet Shaked, che i non vaccinati stanno occupando i letti degli ospedali, ma che alcune restrizioni emergenziali mirano dunque solo a incentivare la vaccinazione, piuttosto che a ridurre la morbilità.

La comunicazione tra i due è stata registrata in un filmato trasmesso da Channel 12 News domenica sera.

“Penso anche che si possa rimuovere il green pass per i ristoranti all’aperto”, ha affermato il ministro degli Interni.

“Anche nelle piscine, non solo nei ristoranti. Epidemiologicamente è corretto”, ha risposto Horowitz a Shaked, osservando che il Green Pass non è particolarmente necessario nelle riunioni all’aperto.

“Il fatto è che ti sto dicendo questo, il nostro problema sono le persone che non vengono vaccinate. Abbiamo bisogno che loro…altrimenti…non ne usciremo”, ha detto il ministro della Salute.

Horowitz ha poi chiarito alla collega che il green pass si sta applicando nella maggior parte dei luoghi pubblici, ad eccezione dei centri commerciali, e che lui non vuole fare eccezioni, perché – dice – “poi diranno: se non le piscine, allora perché i parchi acquatici? Tuttavia, non vogliamo fare cose che non hanno una giustificazione medica”.

Le comunicazioni dei due ministri sono state riprese ieri da The Times of Israel.

Horowitz ha poi specificato che ora “una persona sotto i 60-65 anni in condizioni critiche arriva in ospedale, senza dubbio, non vaccinata”. Aggiunge che due terzi delle persone sopra i 60-65 non è vaccinata, mentre un terzo è vaccinato.

Israele già mesi fa aveva introdotto il full green pass.

© Riproduzione riservata