I capi di stato maggiore chiamano “sedizione ed insurrezione” gli atti del 6 gennaio a Capital Hill
Gennaio 13, 2021 134 Visualizzazioni

I capi di stato maggiore chiamano “sedizione ed insurrezione” gli atti del 6 gennaio a Capital Hill

Da The italian tribune

I militari americani hanno definito l’attacco del 6 gennaio “sedizione e insurrezione”?

La maggior parte delle testate americane hanno dato la notizia, senza riportare la fonte originaria o uno scatto del documento (se non la CNN a quanto pare).

Noi ve lo proponiamo, ma rimaniamo nel dubbio, perché all’interno dei file del Pentagono, al momento (data di pubblicazione), non abbiamo trovato niente, pertanto ci riserviamo ulteriori aggiornamenti successivi.

In una lettera martedì, i massimi gradi delle forze armate statunitensi, sembra abbiano condannato gli atti di “sedizione e insurrezione” della scorsa settimana al Campidoglio degli Stati Uniti.

I capi di stato maggiore congiunti, guidati dal generale dell’esercito americano Mark Milley, dal documento trovato e che riportiamo di seguito, pare scrivano che: il 20 gennaio 2021 “in accordo con la Costituzione, confermato dagli stati e le corti, e certificato dal Congresso, il Presidente eletto Biden sarà inaugurato e diventerà” il loro 46° Comandante in capo.

la lettera dei capi dell'esercito usa

“Come abbiamo fatto nel corso della nostra storia, le forze armate statunitensi obbediranno agli ordini legali della leadership civile, sosterranno le autorità civili per proteggere vite e proprietà, garantire la sicurezza pubblica in conformità con la legge e rimarranno pienamente impegnate a proteggere e difendere la Costituzione del Stati Uniti contro tutti i nemici, stranieri e nazionali. In qualità di membri del servizio, dobbiamo incarnare i valori e gli ideali della nazione. Sosteniamo e difendiamo la Costituzione. Qualsiasi atto volto a interrompere il processo costituzionale non è solo contrario alle nostre tradizioni, valori e giuramento; è contro la legge”, segue all’interno del testo della lettera.

Il documento viene dal profilo twitter di Marc Elias, avvocato e fondatore della piattaforma Democracy Docket, “leader per la difesa progressiva e l’informazione sui diritti di voto, elezioni, riorganizzazione distrettuale”.

Nel frattempo le truppe della Guardia Nazionale previste a Washington, D.C. sono aumentate da oltre 6.000 a 15.000 unità.

Le nostre conclusioni

Premettiamo che, come abbiamo accennato sopra, stiamo ancora verificando la veridicità del documento, nonostante l’avviso sia già stato fatto da REUTERS, dalla CNN, dalla CNBC, da FOX NEWS ed altre testate e media.

I più alti ufficiali militari USA definiscono sedizione ed insurrezione gli atti del 6 gennaio a Capital Hill

Il messaggio dei più alti gradi delle forze militari può avere molteplici interpretazioni. Se consideriamo il fatto che le responsabilità dei fatti gravi accaduti al Campidoglio sono ancora da accertare, come sono da accertare eventuali presenze di organizzazioni violente e/o terroriste, siano esse legate o non legate ad alcuni supporters pro Trump.

Nel frattempo va ricordato che il 14° emendamento vieta di servire al Congresso le persone che “si sono impegnate nell’insurrezione”, come spiegano al Washington Post due autorevoli giuristi americani, Bruce Ackerman e Samuel R. Rosen, docenti di diritto rispettivamente alla Law School di Yale e dell’Indiana University.

Dunque secondo i professori per “cancellare” Donald Trump dai pubblici uffici non serve l’impeachment, ma basta applicare la sezione terza del 14° emendamento della costituzione, il quale prevede che nessuna persona che abbia prestato giuramento come funzionario esecutivo possa ricoprire alcuna carica civile o militare se si accerta che é stata coinvolta “in insurrezione o ribellione” contro la costituzione.

Gli esperti spiegano che anche il classico voto di maggioranza delle due camere, evitando dunque di ricorrere ai due terzi previsti in Senato per l’impeachment.

Ma la domanda da porsi e che vi lasciamo é questa: “Siamo sicuri che Trump sia coinvolto? E se fossero altri i funzionari coinvolti?”

 

Alcune delle testate che hanno riportato questa notizia:

https://www.politico.com/news/2021/01/12/pentagon-chiefs-capitol-assault-458356

https://www.foxnews.com/politics/us-military-leaders-condemn-capitol-riot

https://www.cnbc.com/2021/01/12/top-military-leaders-condemn-sedition-and-insurrection-at-capitol-acknowledge-biden-win.html

https://thehill.com/policy/defense/533921-joint-chiefs-denounce-sedition-and-insurrection-of-capitol-attack

https://www.reuters.com/article/us-usa-election-capitol-military/in-rare-joint-message-top-u-s-military-leaders-condemn-capitol-riot-idUSKBN29H2WF

https://edition.cnn.com/2021/01/12/politics/joint-chiefs-memo-capitol-insurrection/index.html

Previous Donald J. Trump termina il mandato presidenziale l'11 gennaio 2021?
Next Twitter chiude i profili "Q" Anon ma lascia aperti quelli di Antifa e Black Lives Matter

About author

Può interessarti anche

Dal Mondo

Arrivano i “Guardians”: Mike Pence annuncia il nome dei corpi militari della US Space Force

Il vice presidente degli Stati Uniti d’America comunica il nome dei corpi militari della US Space Force, ad un anno di distanza dalla nascita del nuova forza armata statunitense. Mike

Dal Mondo

La prima dichiarazione di impeachment contro Biden arriva il giorno dopo il suo giuramento

Da The italian tribune La Repubblicana Marjorie Taylor Greene ha presentato la sua dichiarazione di impeachment contro il presidente Joe Biden. La Taylor Greene, membro della Camera dei Rappresentanti per

Politica americana

Oltre 140 rappresentanti il GOP (Partito Repubblicano) sono a favore di Trump

Da Andrea Ippolito Le elezioni americane entrano nel vivo proprio quando tutto sembrava terminato. In quello che appariva infatti come uno “step finale” facile e scorrevole, vediamo invece che sono