Covid19 e vaccini: “possono sensibilizzare i destinatari del vaccino a una malattia più grave che se non fossero stati vaccinati”
Novembre 23, 2020 490 Visualizzazioni

Covid19 e vaccini: “possono sensibilizzare i destinatari del vaccino a una malattia più grave che se non fossero stati vaccinati”

Nello studio del “Divulgazione del consenso informato ai soggetti dello studio sul vaccino a rischio di peggioramento della malattia clinica dei vaccini COVID-19“, troviamo scritto che i vaccini covid-19 “progettati per suscitare anticorpi neutralizzanti possono sensibilizzare i destinatari del vaccino a una malattia più grave che se non fossero stati vaccinati”.

Timothy Cardozo, del Dipartimento di biochimica e farmacologia molecolare di New York e Ronald Veazey Divisione di patologia comparata, Dipartimento di patologia e medicina di laboratorio, della Tulane University School of Medicine scrivono che lo scopo dello studio era di “determinare se esiste una letteratura sufficiente per richiedere ai medici di rivelare il rischio specifico che i vaccini COVID-19 possano peggiorare la malattia in seguito all’esposizione a virus provocati o circolanti”.

Covid19 e vaccini possono sensibilizzare i destinatari del vaccino a una malattia più grave che se non fossero stati vaccinati

I ricercatori hanno concluso che “i vaccini COVID-19 progettati per suscitare anticorpi neutralizzanti possono sensibilizzare i destinatari del vaccino a una malattia più grave che se non fossero stati vaccinati”. Poi i dottori scrivono che i vaccini per SARS, MERS e RSV “non sono mai stati approvati e i dati generati nello sviluppo e nella sperimentazione di questi vaccini suggeriscono una seria preoccupazione meccanicistica”.

La preoccupazione degli scienziati è questa: “che i vaccini progettati empiricamente utilizzando l’approccio tradizionale (consistente nel picco virale del coronavirus non modificato o minimamente modificato per suscitare anticorpi neutralizzanti), siano essi composti da proteine, vettore virale, DNA o RNA e indipendentemente dal metodo di somministrazione, possono peggiorare la malattia COVID-19 tramite il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE)”.

Conclusioni tratte dallo studio e implicazioni cliniche

Come affermano Cardozo e Veazey: “il rischio specifico e significativo COVID-19 di ADE avrebbe dovuto essere e dovrebbe essere divulgato in modo prominente e indipendente ai soggetti di ricerca attualmente in sperimentazione sui vaccini, nonché a quelli reclutati per gli studi e ai futuri pazienti dopo approvazione del vaccino, al fine di soddisfare lo standard di etica medica di comprensione del paziente per il consenso informato”.

Divulgazione del consenso informato ai soggetti dello studio sul vaccino a rischio di peggioramento della malattia clinica dei vaccini COVID-19

Informed consent disclosure to vaccine trial subjects of risk of COVID‐19 vaccines worsening clinical disease

Informed consent disclosure to vaccine trial subjects of risk of COVID‐19 vaccines worsening clinical disease

 

FONTE

Informed consent disclosure to vaccine trial subjects of risk of COVID‐19 vaccines worsening clinical disease

 

 

Previous Forte dissenso per le mascherine obbligatorie a scuola. In Toscana si scrive ai Ministeri e al Garante per l'infanzia
Next "GSA non sceglie né certifica il vincitore di un'elezione presidenziale". La lettera a Joe Biden

About author

Può interessarti anche

Attualità

Lasciate stare i bambini. La testimonianza di una nonna sull’iter dei tamponi

Mio nipote 9 anni Febbre a 40 da 3 gg Solo febbre, niente tosse, niente dolori ossei…Nulla La sua mamma chiama la pediatra, che le dice di portarlo all’ospedale (che

Attualità

Al Palasport di Giugliano l’evento di danza “Gran Prix”

al All’interno della nuovissima struttura del Palasport di Giugliano, si terrà l’evento di danza “Gran Prix” patrocinato dall’Associazione Centri Sportivi Italiani (ACSI). Verranno proposte le seguenti discipline in gara: Danze

Attualità

Kary Mullis: la PCR non ti dice se sei malato e non serve a diagnosticare malattie

“La Pcr é un processo per creare molto di qualcosa partendo da qualcosa“, lo dirà lo scienziato biochimico della Carolina del nord, in una delle sue risposte ai giornalisti che