“Gli esseri umani sopravvivono 40 giorni senza mangiare, 4 giorni senza bere ma solo 4 minuti senza respirare: una proporzione che dice tutto sull’importanza della respirazione”. Sono le parole di una delle pubblicazioni del prof. Paolo Gottarelli che abbiamo raccolto con molta partecipazione.

Ci siamo interessati al medico per le sue affermazioni, pubblicate dal Giornale di Rimini, dove appunto ci ha colpito un passaggio in particolare. Gottarelli si chiede “perché si continua a praticare una medicina che cura il sintomo finale, in questo caso la corsa ad intubare le persone che stanno soffocando, anziché chiedersi perché non arriva sangue ossigenato ai polmoni?”.

Ma siamo d’accordo con lui quando chiede ancora “perché non controllare ciò che ha portato al decesso con un esame autoptico?”, soprattutto quando si hanno a disposizione tutti gli strumenti clinico diagnostici.

Il professore dice anche, quello che poi si rivelerà profetico, e cioé che “la gran parte dei pazienti Covid, può essere curata a domicilio”.

Il chirurgo plastico e anche presidente di Io Respiro e membro del comitato direttivo dell’Istituto di Alti Studi Strategici Politici per la Leadership (IASSP). 

Segue lettera integrale di Paolo Gottarelli

”Adesso che è chiaro il meccanismo patogenetico che porta a morte di solo Covid ed emergono le migliaia di morti gratuite mi faccio ulteriori domande riguardo la osannata scienza e riguardo agli osannati professoroni consulenti della politica e sempre in televisione a pontificare.

Bene, sono quasi tutti personaggi che di Clinica, cioè di pratica medica vera a contatto coi malati non ne hanno.

Ma che scienza è quella che per mesi si è disinteressata di verificare il perché il 10% dei malati Covid, faticava sempre più ad ossigenare i polmoni. E perché si continua a praticare una medicina che cura il sintomo finale, in questo caso la corsa ad intubare le persone che stanno soffocando, anziché chiedersi perché non arriva sangue ossigenato ai polmoni?

Gli strumenti clinico diagnostici li abbiamo tutti e nel dubbio perché non controllare ciò che ha portato al decesso con un esame autoptico?

Ci rendiamo conto di come medicina, scienza, politici abbiano toppato a tutto campo?

Ci rendiamo conto di quanta sofferenza abbiamo creato per mancanza di indagini cliniche elementari?

È mai possibile che siamo messi così male?

Comunque ora che sappiamo queste cose, bisogna che cambiamo modi e metodi: la gran parte dei pazienti Covid, può essere curata a domicilio, particolari precauzioni dovranno essere prese riguardo le categorie di persone con altre patologie già in atto e l’informazione dovrà essere completamente rivista. È ridicolo mandare le forze dell’ordine a cercare podisti nei sentieri collinari o di montagna, non è questo il problema perché é falso pensare che questi siano gli irresponsabili untori. Non è questa la verità e tutti i metodi fin qui adottati andranno di gran lunga ridimensionati.

Basta col creare paura, basta con assurde ed incostituzionali limitazioni della Libertà individuale. In nome di questi valori di Libertà hanno dato la vita milioni di Patrioti.

Che ciò non sia avvenuto invano!

Auspico una popolazione più consapevole ed informata e non schiava di media pilotati.

LIBERTÀ!

Prof. Paolo Gottarelli”