Covid-19. Il premio Nobel Michael Levitt: “Il livello di stupidità raggiunto è pazzesco”
Gennaio 5, 2021 640 Visualizzazioni

Covid-19. Il premio Nobel Michael Levitt: “Il livello di stupidità raggiunto è pazzesco”

Da Andrea Ippolito

Michael Levitt, che é stato professore di biologia strutturale alla Stanford University e premio Nobel per la chimica nel 2013 “per lo sviluppo di modelli multiscala per sistemi chimici complessi”, ha denunciato la reazione epidemiologica alla pandemia come una “situazione vergognosa per la scienza“.

“The level of stupidity going on here is amazing” (tradotto: “Il livello di stupidità raggiunto è pazzesco”), lo dice proprio il professore, il quale durante uno dei “Lindau Nobel laureate meetingsha dichiarato, in merito alla situazione che si é creata: “Come gruppo, gli scienziati hanno fallito…Non sono contrario al blocco. Sono contro uno stupido blocco senza considerare il quadro completo. Non si tratta solo di combattere un virus che è esattamente pericoloso quanto l’influenza, ma anche di evitare il danno economico che ogni paese ha causato se stesso tranne la Svezia…Gli epidemiologi hanno causato sofferenze e danni per centinaia di miliardi di dollari, principalmente alle giovani generazioni”.

Il dibattito nel quale ha presenziato Levitt (USA), chiamato “Corona – Il ruolo della scienza in tempi di crisi”, ha visto la partecipazione di altri scienziati come Peter C. Doherty, Università di Melbourne, Dipartimento di Microbiologia e Immunologia, Australia; Alice Fletcher-Etherington, Università di Cambridge, Cambridge Institute for Medical Research, Regno Unito; Saul Perlmutter, Università della California, Dipartimento di Fisica, USA; Enrique Lin Shiao, ricercatore post-dottorato, University of California, Berkeley, Doudna Lab, USA. Il moderatore dell’evento é stato Adam Smith, Direttore scientifico, Nobel Media AB, Svezia.

Dibattito Coronavirus Lindau Nobel laureate meetings

Lindau Nobel laureate meetings – “Corona – Il ruolo della scienza in tempi di crisi”

I partecipanti hanno discusso di alcuni aspetti scientifici come “la biologia del virus, l’immunità, gli anticorpi, i farmaci antivirali o i modelli matematici per la diffusione del virus”. Ma hanno anche analizzato il ruolo della scienza e come questa ha influenzato le decisioni politiche. Gli ospiti al dibattito però hanno anche approfondito riguardo come dovrebbero agire gli scienziati nei dibattiti, sia tra di loro che nella comunicazione al pubblico.

Andrea Ippolito

 

Previous Le migliori prove scientifiche suggeriscono di rinunciare all’obbligo del vaccino antinfluenzale
Next "Africa World Newspaper": Donald Trump é l'uomo più ammirato del continente africano

About author

Può interessarti anche

Attualità

Giochi Olimpici invernali 2026: La Candidatura Milano-Cortina è risultata vincente. Ecco il dossier

Il 24 giugno 2019, a Losanna, il CIO ha votato per l’assegnazione dei giochi olimpici invernali 2026 e la Candidatura Milano-Cortina 2026 è risultata vincente. Dopo quelli di Cortina 1956

Attualità

Dott. Oliviero sul Covid19: “situazione che non ha eguali dalla seconda guerra mondiale ad oggi”

“Sta succedendo quello che avevo ipotizzato già nel marzo di quest’anno”, così esordisce lo psichiatra dott. Oliviero e aggiunge che se c’é una pandemia un agente virale deve diffondersi “in

Attualità

Con l’arrivo dell’influenza a rischio i pronto soccorso. Troise: “Nessuna criticità risolta”

Ad annunciare la gravità della situazione é il presidente Anaao Assomed, Costantino Troise, che ha espresso non poche problematiche e criticità in merito al diritto alla cura dei pazienti italiani.