Claudio Borghi: Sull’obbligo vaccinale sanitari si é agito con leggerezza

"Non si può dimenticare che su un tema come questo, vale a dire come con l'obbligo vaccinale per un vaccino come quello per il Covid, che é tutt'ora in fase sperimentale, si sia agito secondo me con una certa leggerezza"

0
37
Claudio Borghi Sull'obbligo vaccinale sanitari si é agito con leggerezza

Claudio Borghi é intervenuto alla Camera dei deputati sul DL 44/2021 ed ha avvisato che si é agito con leggerezza e che bisognava riflettere di più.

Il deputato della Lega ha ricordato che nel mondo l’unico stato che ha approvato e parlato di obbligo vaccinale é stata l’Italia, insieme al Costa Rica. Ricorda che il Garante privacy è intervenuto al riguardo con provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ancora, avvisa che il gruppo LEGA ha lasciato i parlamentari liberi di decidere come votare.

Borghi afferma inoltre che si è agito con “leggerezza” considerata la “delicatezza” dell’argomento.

“…Non si può dimenticare che su un tema come questo, vale a dire come con l’obbligo vaccinale per un vaccino come quello per il Covid, che é tutt’ora in fase sperimentale, si sia agito secondo me con una certa leggerezza. Ed il fatto che si sia agito con una certa leggerezza é testimoniato dal fatto che il Garante per la privacy ha depositato una copiosa nota in Gazzetta ufficiale, già pubblicata, dove dice, innanzitutto che non é stato minimamente ascoltato, e che ci sono degli aspetti critici su questo tipo di articolato…”.