A Washingon, D.C. oltre 2.000 Guardie giurano come Marshals. Il generale Walker parla in TV di “military power”

A Washingon, D.C. oltre 2.000 Guardie giurano come Marshals. Il generale Walker parla in TV di “military power”

Da The italian tribune

2.000 membri della Guardia Nazionale, presenti a Washington, D.C., hanno prestato giuramento come vice Marshals degli Stati Uniti. Nel frattempo 25.000 uomini delle truppe hanno fatto seguito all’esame dell’eventuale minaccia interna alla sicurezza.

La notizia é giunta anche dalle pagine twitter ufficiali degli U.S. Marshals degli Stati Uniti, i quali la mattina del 18 gennaio hanno fatto l’annuncio del giuramento. Ed infatti il capo Lamont Ruffin del tribunale distrettuale del District Columbia ha fatto giurare le 2000 truppe della Guardia Nazionale.

In base a quanto riportano i funzionari, l’FBI ha anche esaminato i 25.000 membri della Guardia Nazionale in servizio per l’inaugurazione presidenziale di Washington, D.C. L’esame si é ritenuto necessario per paura di un eventuale attacco a Joe Biden.

giuramento US Marshals Washington dc

Pagina twitter ufficiale degli U.S. Marshals degli Stati Uniti

Cosa fa lo United States Marshals Service

Questi operatori di polizia, chiamati U.S. Marshals, hanno diverse funzioni, ne elenchiamo qualcuna:

  • si assicurano che le operazioni giudiziarie procedano regolarmente;
  • insieme all’FBI gestiscono il programma protezione testimoni federale;
  • trasferimento dei detenuti nei penitenziari federali;
  • ricerca dei fuggitivi in caso di evasione;
  • presidio dei tribunali;
  • protezione dei componenti delle corti.

L’agenzia federale di polizia (anche penitenziaria) United States Marshals Service é alle dipendenze del Dipartimento della giustizia degli Stati Uniti d’America.

Giuramento U.S Marshals National Guard Washington

Giuramento U.S. Marshals (Shane T. McCoy US Marshals Public Affairs)

Washington, D.C. – Giuramento dei Vice U.S Marshals, membri della National Guard (Shane T. McCoy U.S. Marshals Public Affairs)

Il Comandante Generale della Guardia Nazionale di D.C. in TV

Il Maggiore Generale William Walker, Comandante Generale della Guardia Nazionale del Distretto di Columbia, prima di rispondere direttamente alla domanda che gli fa il giornalista afferma che é fiero di essere a Washington, D.C., poi che ci sono oltre 25.000 soldati e che sono li “a dare supporto ai Servizi Segreti e ai Dipartimenti di polizia per una pacifica transizione al potere militare” (apprenderemo in un aggiornamento successivo che le Guardie presenti sono oltre 65.000).

Walker ha discusso poi dell’attuale livello di minaccia nella capitale della nazione e di come le truppe si stanno preparando per mercoledì, giorno dell’inaugurazione.

Maggiore Generale William Walker, Comandante Generale della Guardia Nazionale del Distretto di Columbia

Maggiore Generale William Walker, Comandante Generale della Guardia Nazionale del Distretto di Columbia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous Vaccinazione ai guariti da Covid? Apertura scuole? Ma a chi dobbiamo ascoltare?
Next Lo sciamano Jake Angeli entra in scena a Capitol Hill. Copione di un film o realtà?

About author

Può interessarti anche

Dal Mondo

Il Presidente del Brasile Bolsonaro: “Stanno giocando con il nostro sistema immunitario”

Jair Bolsonaro, attuale presidente della Repubblica Federale del Brasile, in queste settimane ha rilasciato alcune interviste e fatto esternazioni sulle politiche vaccinali, per quanto ci riguarda molto logiche e motivate.

Politica americana

Elezioni USA: Anche le contee della Georgia martedì hanno avuto problema tecnici

Anche le contee della Georgia hanno avuto un problema tecnico, relativo allo stesso software di voto elettronico della contea del Michigan. Martedi mattina infatti le macchine per il voto sembra

Dal Mondo

Trump firma un altro ordine esecutivo per “abusi e corruzione dei diritti umani”

Il Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald J. Trump firma un altro ordine esecutivo per “abusi e corruzione dei diritti umani”. L’Ordine Esecutivo di ieri 16 dicembre prosegue quello del